The Fade

Grazie mille, Paolita, per avermi ospitata sul tuo blog!

Tracce d'inchiostro

oggetti2.jpg

Oggi voglio segnalare un libro molto particolare:

~Le Ceneri della Fenice – The Fade

~Autore: Jane Fade Merrick

~Genere: Narrativa generale | Slice-of-life | Donne contemporanee

~Età: Sconsigliato sotto i 14 anni

~Pagine: 196

~Formato: 15x21cm

~Editore: Youcanprint (autopubblicato)

~Prezzo: € 13,00
~Ebook: € 2,99
~Trama:

Fade è una ventiquattrenne che vive per strada fra i disagi e i pericoli di una metropoli che ingoia
chiunque non tenga il passo con il suo ritmo, con l’unica compagnia di un paio di rollerblade
malandati con i quali tenta la fuga dalla sua stessa realtà e un coltello da cucina che brandisce
contro chiunque rappresenti un pericolo.
Per una serie di coincidenze, che poi coincidenze si scopriranno non essere, incontra un bambino
dallo sguardo stralunato e i capelli tinti di rosa che comincia a seguirla dappertutto nel vano
tentativo di stringere amicizia con lei. Il ragazzino si presenterà come…

View original post 708 altre parole

Annunci

RECENSIONE #249 – LE CENERI DELLA FENICE – THE FADE DI JANE FADE MERRICK.

Dettagliata recensione de “Le Ceneri della Fenice” da parte di questa meravigliosa ragazza che non ha solo apprezzato i lati positivi del romanzo, ma ha anche minuziosamente elencato tutti i punti di debolezza dello stesso, donandomi, oltre al suo prezioso tempo, anche parecchia consapevolezza. Grazie Sara.

Milioni di Particelle

BUON POMERIGGIO CARISSIME PARTICELLE LETTRICI!

Finalmente… e dico finalmente… eccomi qui con la recensione di questo libro. E’ diverso tempo che dovevo leggerlo e dico finalmente perchè ho trovato un buchino di tempo per leggerlo. Quindi ora ve ne parlo e ringrazio l’autrice per avermi concesso la lettura del suo libro. Ecco qui:

510hbYRrvhLAutore: Jane Fade Merrick
Titolo: Le Ceneri della Fenice – The Fade
Genere: Narrativa generale | Slice-of-life
Pagine: 196
Editore: Youcanprint (autopubblicato)
Prezzo: € 13,00 / Ebook: € 2,99

Link d’acquisto:https://amzn.to/2AJ1GXN
TramaFade è una ventiquattrenne che vive per strada fra i disagi e i pericoli di una metropoli che ingoia chiunque non tenga il passo con il suo ritmo, con l’unica compagnia di un paio di rollerblade malandati con i quali tenta la fuga dalla sua stessa realtà e un coltello da cucina che brandisce contro chiunque rappresenti un…

View original post 1.985 altre parole

Intervista a JFM: autrice di ATPU

un libro una tazza di te

Non sono notoriamente una persona che dice cose intelligenti, ma quando le domande dell’intervista lo sono, è probabile che qualcosa di buono ne esca!
Ecco a voi un’intervista fattami da Anna di “Un libro, una tazza di tè“, dove parlo di “Amarsi Troppo per Uccidersi”, “Le Ceneri della Fenice”, l’autopubblicazione e cose random!

Ciao Jane, grazie per aver accettato di fare questa chiacchierata!

Buongiorno Anna e grazie a te per l’intervista che mi concedi.

Hai sempre voluto dedicarti alla scrittura?

La scrittura è sempre stato un canale di comunicazione che ho apprezzato anche se non ho mai pensato di utilizzarlo per pubblicare qualcosa di mio. Mi sono interessata all’idea grazie al mio ragazzo il quale, invece, ne era molto appassionato, tanto da invogliarmi a provare. Nello specifico non è una passione innata, ma una sorta di riflesso misto a curiosità.

Quando ho iniziato era da poco tempo in voga il self-publishing, che mi aveva subito intrigato come potenziale canale di distribuzione, quindi mi sono indirizzata direttamente su quello.

LEGGI TUTTA L’INTERVISTA QUI!

***

Cover parlante: Le Ceneri della Fenice

Voi con che criterio avete creato la vostra copertina? Avete scelto il primo piano di una persona che rappresenta il vostro protagonista? Avete optato per la località in cui si narra la vostra storia? Siete andati sull’addominale guizzante che cattura sempre consensi e attenzioni? Nel mio caso ho creato una copertina “parlante”. Scopri l’iconografia de “Le Ceneri della Fenice”: ciò che vedi è ciò che ottieni. Letteralmente.

Il coltello: Oggetto molto importante per la protagonista, rappresenta la sua “croce” e non se ne separa mai. Viene usato per autodifesa quando (spesso) si caccia nei guai.

 

I pattini: Li indossa da quando aveva quindici anni e non se ne è mai più separata, tanto che non è più in grado di camminare senza.

 

Cicatrice: Sette punti di sutura le ricordano ogni giorno chi è e perchè si trovi in quella situazione.

 

Acconciatura freak: La protagonista si concia in questo modo per intimorire il prossimo (ma la maggior parte della volte passa solo per svitata). Dovrebbe essere la rappresentazione simbolica della Fenice.

 

Bande rosse a bianche e bende mediche: rappresentano qualcosa che lega la ragazza al suo passato e che non la lascia andare.

Scopri di più a questo link
Le Ceneri della Fenice

***

[Recensione 15] Le Ceneri della Fenice – The Fade

Una nuova recensione al mio libro redatta dalla dolcissima Afra di Destino di Carta. Ho apprezzato molto la sua analisi e interpretazione del messaggio nel volume. Adoro.
Vi lascio un estrattino qui sotto!

Fade è un personaggio ambiguo, in grado di insegnarci che la vita non è sempre giusta, il mondo attorno a lei non la vede nemmeno e non sente le sue ‘grida’ di aiuto. Gli altri personaggi Jag e Nef sono due personaggi opposti. Jag un bambino che ci comporta da adulto e Nef un uomo che si comporta da bambino.

Il concetto di un mondo nel quale le persone che sembrano normali sono quelle strane mentre la normalità è una ragazza con i pattini sempre ai piedi, un ragazzino saputello dai capelli rosa e un uomo che gioca a fare l’adolescente è sicuramente un mix che si allontana dalle trame conosciute.

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE QUI

Living Hell – Nuovo disegno promozionale per Le Ceneri della Fenice

le ceneri della fenice - living hell

Un nuovo disegno legato al volume 2 de “Le Ceneri della Fenice“. Sono passati due anni dalle vicende del primo libro, come vedete, qualcuno si è fatto crescere i capelli, qualcuno li ha tagliati e qualcuno s’è beccato un occhio nero, (Nef ha dichiarato: “Io non c’entro nulla, ma lo vorrei tanto”). La cosa più importante è che Jag si sia cambiato i pantaloni, però!