[Recensione3] Le Ceneri della Fenice – The Fade

Un’inaspettata recensione del mio libro da parte di Anna Mormile, che ringrazio infinitamente *_*
I miei libri sono completamente gratuiti su Wattpad e disponibili anche in cartaceo su tutti gli store online! Se li comprate entrambi su La Feltrinelli, avrete il 15% di sconto e la spedizione gratis! =D

[Recensione2] Le Ceneri della Fenice – The Fade

perché lo dice krilli

Cristina Pace gestisce l’attivissima pagina “Perché lo dice Krilli” sia Facebook che su WordPress e la sudetta ha lasciato una minirecensione al mio romanzo che mi ha fatto molto piacere (perché stimo molto il suo parere e la sua persona!). GRAZIE

Qui abbiamo una rece pronta per miss Jane Fade Merrick ed il suo meraviglioso romanzoooo https://www.amazon.it/Ceneri-della-Fenice-Jan…/…/ref=sr_1_2… Fade è sempre di pessimo umore, cammina per le strade coperta da abiti consunti e mostrando un’acconciatura che attira l’attenzione di chi poi sceglie di starle alla larga.
Vive in un giaciglio a cui accede da un’entrata segreta, chiude mettendosi in sicurezza, dorme su un materasso buttato per terra.
Chi è Fade?
Perché vive così?
Rubare l’essenziale per vivere, non disprezzare e non sprecare niente…mentre ripete i suoi principi la sua vita cambia grazie a quello che da principio è solo un moccioso.
Jag è invece tutt’altro, il suo carattere particolare, le sue capacità (anche economiche) stravolgeranno il mondo di Jade per sempre.
Ok.
No spoiler
Perché questo libro, QUESTO LIBRO davvero è qualcosa di diverso.
Nonostante conoscessi le notevoli doti di scrittura di Jade, questo romanzo mi ha davvero colpita.
Quando dico che ne vale la pena, NE VALE LA PENA!
Non c’è un particolare che non vada per il verso giusto: i personaggi sono descritti minuziosamente e sembra che parlino a noi che leggiamo, la piega della storia è avvincente, intelligente e credo di non trovare altri aggettivi.
la musica
I sogni che alcuni credono di non meritare
Le illustrazioni perfette
Questo libro è geniale.
ed io vorrei leggere di nuovo di Fade

Recensione originale qui: https://www.facebook.com/KrillipseDixit/posts/1082055378593679

 

JFM consiglia: Let it Bleed di ArisFitzMaurice

Questo articolo non nasce dal voler ricambiare la stupenda recensione che ArisFitzMaurice ha fatto per me, anche perché io non riuscirei mai a raggiungere così alti picchi di analisi come ha fatto lei; questo articolo ce l’avevo già in mente da tempo , aspettavo solo di arrivare all’ultimo capitolo del del suo romanzo “Let it bleed“.

Parto dal presupposto che dell’autrice si capisce subito quale sia il motore, la passione, il mondo attorno cui gira la sua ispirazione: la musica, specialmente il rock condito da sprazzi di blues. È così che si presenta infatti Aris, un’amante della musica, non lo nasconde e questo elemento portante nei suoi romanzi trascina il lettore via con sè.

Let in bleed è il primo romanzo che ho letto e subito apprezzato, divorandolo fino all’ultima riga perché, come nel mio romanzo, si parla di una band musicale e, più nello specifico, di uno dei suoi componenti: Syd, il chitarrista.
La storia si sviluppa proprio dal punto di vista di quest’ultimo e del suo rapporto con il mondo, con gli affetti e l’amore, il tutto reso estremamente realistico dalla penna dell’autrice. Quello che Syd racconta, prova, sente, viene esposto in maniera chiara, senza fronzoli e sopratutto senza filtri. Syd è una star e come tale ha un modo di vedere le cose diverso dai “comuni mortali”, ogni cosa è amplificata dall’ebbra del successo, dalla consapevolezza di essere considerato un dio ma sopratutto gira intorno al più crudo degli istinti primordiali: il sesso.

Syd racconta, fra passato e presente, le sue storie, le mille amanti che ha avuto, talune dimenticate il giorno dopo, altre che gli sono rimaste impresse sulla pelle come un tatuaggio di cui non può disfarsi. Sviscera il suo comportamento ma non ne trova una spiegazione logica, il suo impulso carnale viene da un istinto innato, come quello da cui nasce la sua musica, il rock, che spesso mischia alle sue amanti, amandolo di quella stessa passione primordiale.

Dovrà un giorno fare i conti con i sentimenti veri, quelli che non si aspettava di poter provare, quelli che nell’arco degli anni ha sempre liquidato con un “‘fanculo” ben piazzato, quelli che corrono paralleli alla strada costellata di alcool, droga ed eccessi che aveva deciso di intraprendere, i quali  un giorno hanno deciso di superare quel margine invisibile e investirlo in pieno. E allora “let it bleed“; al grido di questo motto, il musicista lascia che il suo cuore sanguini di emozioni e le sue dita sanguinino sulle corde della chitarra nel tentativo di trasformarle in musica. Perchè tutti alla fine hanno bisogno di essere salvati, chi dal mondo, chi da se stesso.

Leggete questo libro e rock and roll!

[Recensione] Le Ceneri della Fenice – The Fade

ArisFitzMaurice è una scrittrice Wattpad che ho sempre stimato molto per i suoi romanzi pregni di blues and rock and roll, quindi trovare una sua recensione così approfondita sul mio romanzo mi ha fatto un piacere immenso. La recensione è disponibile su Wattpad, ma se non disponete di un account la riporto qui sotto.

recensione Le Ceneri della Fenice

Da sempre mi reputo una persona fortunata. La vita può impegnarsi fino allo sfinimento coi suoi colpi mancini e quando lo fa, di solito, mi volto verso di lei con uno sguardo assai perplesso e tanta, ma tanta sufficienza. Infatti, gira e rigira su Wattpad m’imbatto in questa storia che se non inserissi in questa raccolta, difficilmente potrei continuare a reputarmi una persona onesta, da un punto di vista intellettuale. Se dovessi definirla con una metafora, l’immagine più calzante che mi viene in mente è una partita a poker con l’autrice. E quando si gioca a carte, che se ne dica, un po’ d fortuna serve sempre.

Venendo a noi, se state cercando una storia originale che si addentri nel mondo delle rock band – e so che ne avete voglia – questa fa al caso vostro. Se invece state cercando la classica storia dove una cinica e dannata rockstar s’innamora di una fan o se non di una fan, di una ragazza normale, dove il vecchio e sempre valido regna sovrano, beh, questa non è la storia per voi. Perché l’autrice di quest’opera sa che cosa vuol dire dar senso a una trama, sa che un personaggio ha bisogno di tante parole, tanti capitoli e tante fasi prima di poter crescere, evolversi e infine umanizzarsi; in special modo se la suddetta rockstar vive in un mondo che non appartiene a noi comuni mortali, com’è giusto che sia. Adorerete la protagonista femminile: Fade. La sua caratterizzazione è forte, a tratti inquietante, ed essendo pure avvolta in una nube di mistero, che la mano dell’autrice ha saputo spargerle intorno con uno stile brillante e con molta maestria, sono sicura che non ve la scorderete per tanto tempo.

All’inizio vi spiazzerà, perché pur non essendo una star, non è una ragazza comune e non vive come si suol dire da Cristiani, passatemi l’espressione. Fade ha un suo passato, che verrà svelato al momento giusto e quando sarà giunta l’ora di mettere le carte in tavola. L’autrice non è solo un avversario al tavolo a cui vi siederete, è pure il banco ma non bara, anzi, gioca parecchio pulito. Fidatevi.

Ad affiancarla c’è un altro personaggio bizzarro e quel folletto ipercinetico e matto da legare non potrà che incuriosirvi per le fattezze, per la simpatia epidermica e infine per quello che metterà in moto. Senza di lui, senza Jag , il protagonista maschile, Nef , nel ben e nel male non potrebbe essere il motore immobile che invece è convinto di essere. Non posso darvi troppi dettagli perché basta uno spoiler di troppo e sparisce la magia della lettura. Questa raccolta è nata per invogliarvi a leggere e non per sciuparvi la gioia della scoperta.

Nef, veniamo a lui. Forse per correttezza nei suoi confronti dovrei chiamarlo Dio – e già lo vedo che annuisce soddisfatto, d’altronde non si sarebbe aspettato niente di meno. – perché cammina dieci metri da terra e tutto il mondo lo incoraggia in questo suo incedere. Della rock star blasonata ne conserva ogni tratto caratteristico: è stronzo, è pieno di donne, a modo suo è sensibile e dotato d’intelligenza artistica e infine è pure suonato come una campana. Per la cronaca, suona il basso in una band dal successo internazionale chiamata Momuth (si legge Momat) che convoglia su di sé le follie, le ossessioni e la passione di fan assatanate/i pronti a tutto, ma proprio tutto . Eppure, quasi senza che Sua Maestà lo voglia, l’incontro con Jag e Fade accende il quadro del motore della sua storia personale. Imprecherete contro questo bellimbusto, ma vi farà anche ridere perché certi atteggiamenti son davvero esilaranti e molto altro.

Eppure scena dopo scena, capitolo dopo capitolo, sembra quasi tendervi un orecchio il vecchio Nef ; perché è come se ascoltasse le vostre lagne su di lui, insieme alla vostre critiche e consigli che non potrete fare a meno d’indirizzargli; si convincerà a poco a poco che sì, qualcosa sta cambiando. Peccato che fra l’assimilare una nuova concezione di se stesso e avviarsi nella giusta direzione, il nostro Nef inciampi più di una volta e, come si suol dire, muova il primo passo di danza per l’appunto sull’ultima nota di una canzone. Eh, già!

L’intreccio, come vi dicevo, è veramente interessante, perché tutto diviene chiaro in maniera graduale e di colpi di scena ne troverete a bizzeffe. Alcuni vi piaceranno, altri vi faranno pure soffrire. Di sicuro non vi annoierete e l’autrice vi permette di aver sempre la situazione sotto controllo. Gioca pulito in sostanza.

Dicevamo della partita di poker. Bene, alla fine, all’ultima mano, sembra proprio che qualcuno lassù in cielo, o là dentro nelle pieghe del libro, vi stia ascoltando e che finalmente vi stia regalando la mano vincente. Ed è una mano quasi perfetta, da non crederci. Ci son tanti modi di vincere una partita di poker, come ben sapete: un full, una scala, doppia coppia e così via. A voi che leggete sembra esservi toccata la migliore, quella dei vostri sogni. Mancherebbe solo una carta per completarla, ci siete andati vicini vicini e l’ultima, l’ultimo tassello è rappresentato da quella che estrarrete dal mazzo. Ve la passerà il banco, come da tradizione.

Voi l’afferrerete e l’accosterete alle altre, stringendo il vostro ventaglio fra le dita. Sarebbe stato perfetto, penserete contemplandole, mettendole sul tavolo e confrontandole con quelle del banco, il vostro avversario. Sorriderete anche se non avete vinto né la mano né la partita. Capirete infatti che in realtà era solo un sogno il vostro. Ne prenderete coscienza e accetterete la sorte avversa. È la vita: si vince e si perde.

Però, parliamoci chiaro: perdere è una sconfitta e fa male. Il solo pensarlo fa soffrire e nel momento della verità, quando stiamo per scoprire se ci alzeremo da quel tavolo da vincitore o meno, solo un bel sogno può aiutarci a darci la forza e il coraggio necessari per allungare la mano, prendere quella dannata carta e confrontarci con la realtà. È quello che accade in questo romanzo: né più né meno.

In fondo, certi giochi – o giuochi se preferite – son creati apposta affinché il banco vinca, ma non perché bari o v’inganni. Forse l’unica cosa da capire qui dentro è che a dispetto dei nostri sogni e dei nostri desideri esiste una logica e se questa venisse tradita, ne trarremmo molta meno soddisfazione di quanto invece ci toccherebbe se i nostri sogni fossero stati esauditi.

Qui, seppur in un contesto particolare, da ogni punto di vista ci tengo a sottolinearlo, vince l’intelligenza di chi non si è lasciato affascinare da una tentazione che avrebbe solo sciupato tutto; vince la coerenza della logica delle cose, vince la maestria nel sapersi destreggiare in una trama che non ha lasciato scampo a nessuno e per chi la legge, onestamente, ci può essere vittoria più bella di questa?

Perciò, oh voi che leggete, sedetevi a quel tavolo. Lasciate che @janefademerrick vi distribuisca le carte e fate la vostra puntata. Non si bara, sebbene prendendo posto a quel tavolo difficilmente qualcuno di voi ne avrà da perderci. Sembra impossibile, eh? Vi sfido!

Alla prossima.

Aris

 

[Recensione] STO∙CAZZ∙Amee♥ – Da fangirl a superstar in 2,9 sec.

stocazzamee da fangirl a superstar in 2,9 sec.Il mio libro “Stocazzamee” è stato recensito pe la prima volta! Ringrazio ArisFitzMaurice per averlo letto e apprezzato. L’intera recensione è visibile su Wattpad, ma ve la riporto anche qui sotto!

Titolo: STO∙CAZZ∙Amee♥ – Da fangirl a superstar in 2,9 sec.

Autore: Janefademerrick

Genere: Humor

Capitoli 19

Tag: poracciata, perculata, umorismo

Stato: Completa

Perché è in questa raccolta (Emotional Reading … Consigli di Lettura)

Leggere questa breve ma intensa parodia ha riempito i miei occhi di lacrime. Mi son dovuta trattenere dal commentare ogni singolo periodo, ogni singolo paragrafo per non bombardare l’autrice di battute che ogni riga, ogni parola mi faceva affiorare alla mente. Ho corso sul filo del rasoio, nonostante le mie buone intenzioni, perché per buona parte della lettura non ho saputo resistere. Rendo quindi merito all’autrice per la pazienza che ha mostrato nei miei confronti, per non avermi bannata e per avermi perfino risposto.

Non è la sua opera più corposa, ci tengo a precisarlo, ma per l’idea, l’ironia e la verosimiglianza a certi personaggi che popolano il mondo delle ficcyne, questa breve opera si merita di entrare nella mia personale raccolta di libri che consiglio di leggere. Ed è un consiglio spassionato il mio.

Prima di morire non potete non farlo. Anche in punto morte va bene, al posto dell’estrema unzione potreste dargli un’occhiata: lascerete questo mondo con un sorriso e, come vi dicevo, con le lacrime agli occhi.

In breve, in quest’opera ogni cliché delle fanfiction vengono usati sapientemente e messi in ridicolo dall’autrice stessa. Mi riferisco ad un’improbabile protagonista fuori dalla grazia da dio, che  si muove in una trama che si fa beffe di logica, riferimenti geografici, tempi – verbali e non- e infine azioni e motivazioni volte solo a elemosinare una qualsiasi empatia con il lettore.

summer stocazzamee

Clicca sulle tette per ingrandirle

La protagonista in questione, tale Samuela Merdini, in arte Sammer ( il nickname è già un colpo di genio, poiché derivava da Sam di Samuela e Mer di Merdini, appunto. So che state già ridendo. Vi vedo, sappiatelo!) è una delle caratterizzazioni più esilaranti che abbia mai letto qui su wattpad. Parla, si muove e, per la nostra gioia, pensa. (parole grosse direbbe l’autrice, a ragione!)

Non mi soffermo su che cosa la caratterizzi così tanto da meritarsi questa mia menzione, sul perché si armi di trolley, hot pants, top mostra-merce e parta alla volta di Londra, perché se lo facessi vi priverei del piacere della scoperta e so che nessuno di voi me lo perdonerebbe.

Ciò che la accumuna a ogni altra protagonista delle ficcyne è uno spessore pari alla carta velina, un cervello che vi farà invocare l’aiuto di Dio da quanto sia insostenibile ogni suo pensiero e uno scenario intriso di di scemenza che la mano dell’autrice ha però saputo tratteggiare con precisione, ironia, intelligenza e perché no, del sano e sacrosanto sarcasmo.

Consiglio di leggere quest’opera un po’ a tutti, in special modo a chi non ama le ficcyne e soprattutto a chi le scrive, per rendersi conto di quanto certe caratterizzazioni siano improbabili, quanto certe situazioni impossibili e di come ogni opera, grande o piccola che sia, abbia invece bisogno di una logica, un costrutto, un messaggio.

Questa ce l’ha: è scritta in italiano corretto, quando compaiono errori l’autrice li sottolinea (ricordatevi le piroette del povero Kronos per un uso creativo dei tempi verbali in uno stesso periodo) e infine fa ridere. Ma proprio tanto. Non la dimenticherete.